Anteprima Antiqua 2020

Giuseppe Sacheri

(Genova 1863 – Pianfei CN 1950)

“Regata dalla scogliera” olio su tela firmato in basso a sinistra
Dettagli larghezza cm. 66 altrezza cm. 68
Stato di conservazione ottimo

Esposto da: Capozzi Antichità

Pergola Romolo

(Roma 1890 – Trino VC 1962)

“Porto di Camogli” olio su tela firmato in basso a destra
Dettagli larghezza cm. 70 altezza cm. 55
Stato di conservazione ottimo

Esposto da: Capozzi Antichità

Caffettiera Luigi XVI

Importante caffettiera Luigi XVI in argento a motivi neoclassici – Genova Punzone della Torretta datato 793
Dettagli Corpo costolato attraversato da fascia centrale sbalzata a motivi neoclassici e versatoio a forma di testa leonina.
Altezza cm. 32 peso 1 kg.
Stato di conservazione ottimo

Esposto da: Capozzi Antichità

Alfredo Luxoro

"Sestri Levante" 1886 olio su tela 30x68cm

Nel 1874 la Accademia Ligustica introduce la scuola di paesaggi dal vero.
Innovazione radicale alla quale aderirono i giovani artisti genovesi desiderosi di modernità.
Questo bel dipinto evidenzia oltre alle indubbie doti tecniche del Luxoro la sua inclinazione per un verismo poetico intriso di luminosità.
Questa opera partecipò alla Promotrice di Genova del 1886.

Esposto da: Galleria Novecento

Oscar Saccorotti

Pagliai" 1927 olio su tela 85x58cm

Questa opera si inserisce nella brevissima fase di adesione a Novecento dell’artista , adesione che coincide con la felice fase di esposizioni milanesi. Il dipinto Pagliai fu esposto alla Galleria Milano di Gaspare Gussoni che con Margherita Sarfatti fu animatore di questo movimento.
Caratteristiche di questa fase artistica di Saccorotti sono la solidità formale, la dimensione arcaica, atemporale, ed una tecnica gessosa a larghe campiture.

Esposto da: Galleria Novecento

Benedetto Musso (1835 – 1883)

Conversazione sul prato, 1875 Olio su cartoncino Cm 13 x 21

Prezioso dipinto di gusto macchiaiolo in cui, all’immediatezza esecutiva e alla vivacità luministica e tonale, si accompagna un curioso e intrigante riferimento autobiografico. Come un appassionato cantore, il pittore si autoritrae infatti accanto all’affascinante e fuggevole Erminia, grande amore della sua vita e soggetto ricorrente nelle opere più importanti della sua produzione artistica.

Esposto da: Galleria Arte Casa

Enrico “Chin” Castello (1890 – 1960)

Il Rex, 1930 ca. Tecnica mista su cartone Cm 42 x 29

In una combinazione di forme astraenti e accostamenti cromatici di grande impatto visivo, Enrico “Chin” Castello celebra la costruzione del Rex, il grande e avveniristico transatlantico costruito nei cantieri genovesi. Il dinamismo dei volumi e l’accentuata verticalità, eco vibrante dell’energia futurista, caratterizzano un’opera in cui si concentra inoltre la forza comunicativa della grafica nell’epoca d’oro della cartellonistica pubblicitaria.

Esposto da: Galleria Arte Casa

Paolo Borsa (Milano, 1827 - 1912)

NUDO VIRILE SEDUTO Matita di grafite e penna nera. mm 284x192

Paolo Borsa nacque a Milano nel 1827, professore di disegno, e marito di Regina Bianchi, sorella di Mosè Bianchi e zia di Pompeo Mariani. Contribuì insieme al cognato Mosè Bianchi all’educazione ed alla prima formazione artistica del figlio Emilo. Insegnò disegno all’Accademia di Brera, con la direzione di Francesco Hayez. Si dedicò in prevalenza al paesaggio e a scene di genere anche se l’arte del ritratto fu per lui oltre che materia di insegnamento uno strumento di esplorazione psicologica dei soggetti oltre l’accademia.

Esposto da: CREATINI & LANDRIANI

Lazzaro TAVARONE (Genova 1556-1641)

CRISTOFORO COLOMBO IN AMERICA

Studio per affresco di una lunetta Palazzo Belimbau a Genova Matita nera, penna e inchiostro bruno. 219 x 384 mm

Esposto da: CREATINI & LANDRIANI

Alessandro Magnasco

(Genova 1667-1749)

1651 Alessandro Magnasco (Genova 1667-1749) cm.89×125,5

Esposto da: Ship in Arte

Abraham Van Beijeren

Aia 1620-1690 Rotterdam

1593 Abraham Van Beijeren (Aia 1620-1690 Rotterdam) cm.56,5×67,5

Esposto da: Ship in Arte

Gioacchino Assereto

(Genova 1600-1649)

1475 Gioacchino Assereto (Genova 1600-1649) cm.96×110

Esposto da: Ship in Arte

Mandala

Diametro cm.46
Altezza cm. 4,5

Materiale: rame finemente lavorato con l’antica arte del repusse’.
La doratura è in oro 24k fissato a caldo.
Il Mandala rappresenta L’universo ed esprime sia il macrocosmo che il microcosmo.
Dal punto di vista tibetano il mandala è un campo di energia associato all’aspetto di un Buddha.

Esposto da: Shangri-La 

SCULTURA MADONNA CON BAMBINO

SCULTURA MADONNA CON BAMBINO

Grande scultura lignea policroma raffigurante la solenne figura della Vergine che sorregge tra le braccia il Bambino.
Opera che intrinseca tutte le migliori qualità della scultura spagnola della fine del ‘500.
La scuola spagnola della regione pirenaica è visibilmente influenzata dall’arte francese.
Il legno è scolpito con grande precisione ed il movimento dei panneggi risulta perfettamente calibrato.

Esposto da: Anna Del Monte Antico

Ph. Salesi 1954

Dipinto olio su tela raffigurante “Natura morta”, firmata “Ph. Salesi 1954”.

Il pittore è Philippe (Filippo) Salesi (http://www.pittoriliguri.info/pittori-liguri/salesi-filippo, Mentone 1885 – Sanremo (Im) 1977.

La scena ritrae una tavola ingentilita da un vasetto trasparente contenente un mazzetto di fiori di campo colorati, un portafrutta in ceramica bianca con delle pesche e altre pesche sulla tovaglia pronte per essere tagliate col coltello in primo piano. Sullo sfondo a destra si nota un mobile demilune.
Qualità esecutiva ottima, da notare il dettaglio delle pieghe della tovaglia bianca.

Esposto da: Anna Del Monte Antico

HENRI MICHEL-LÉVY (1845-1914)

Dipinto olio su tela raffigurante scena di vita di pescatori – firmato HENRI MICHEL-LÉVY (1845-1914)

Lévy era il terzo dei quattro figli di Michel Lévy e Thérèse Emerique. La famiglia viveva a Parigi, ma ebbe origine nella provincia della Lorena, nel nord-est della Francia. Il padre di Henri era un commerciante.

Esposto da: Anna Del Monte Antico

Bernardo Canal

Veduta dell interno di Palazzo ducale

Esposto da: Odisseus

Scatola in Radica

Scatola in radica art deco con coperchio con farfalle smaltate

Esposto da: Signorina Maccabei

Vaso

Vaso art deco in cristallo molato e ghiera in argento

Esposto da: Signorina Maccabei

Bottega di Filippo Parodi

Genova fine secolo XVII altezza cm. 160 diametro base cm. 60

“Trittico di delfini” a corpi intrecciati e code unite a formare unico supporto; eccezionale coppia di sculture in legno intagliato e dorato, basi laccate a finta roccia – Genova fine secolo XVII, bottega di Filippo Parodi
Dettagli
altezza cm. 160 diametro base cm. 60
Stato di conservazione ottimo

Esposto da: Capozzi Antichità 

Eugenio Olivari

(Genova 1882-1917)

“Pini sul mare” olio firmato in basso a destra
Dettagli larghezza cm. 75 altezza cm. 95
Stato di conservazione ottimo

Esposto da: Capozzi Antichità 

Romolo Pergola

(Roma 1890 – Trino VC 1960)

‘La casa del pescatore con le reti al sole’ pastello su cartoncino, firmato in basso a sinistra
Dettagli altezza cm. 48 larghezza cm. 67
Stato di conservazione ottimo

Esposto da: Capozzi Antichità 

Romolo Pergola

(Roma 1890 – Trino VC 1962)

‘Il golfo di San Fruttuoso di Camogli’ pastello su cartone firmato in basso a sinistra
Dettagli larghezza cm. 63 altezza cm. 47
Stato di conservazione ottimo

Esposto da: Capozzi Antichità 

Antonio Discovolo

Bonassola 1924 olio su tela 58x55cm

Allievo di Fattori a Firenze, autore dalle indubbie capacità tecniche visse l’intera vita a Bonassola . Qui elaborò la sua poetica fatta di vertiginose vedute marine e di scorci fra uliveti sfavillanti di colori e di luci.
Il dipinto, datato 1924 risente fortemente dell’accesa coloristica divisionista

Esposto da: Galleria Novecento

Rubaldo Merello (1872 – 1922)

Rocce e mare a San Fruttuoso, 1910 ca. Olio su tela Cm 50 x 45

Lirico e visionario, il prezioso dipinto si presenta come un distillato delle caratteristiche tecniche e delle intenzioni poetiche di Rubaldo Merello. Ai riflessi sul mare in primo piano, eseguiti con minuti tocchi di colore quasi puntinisti, seguono le campiture piatte della superficie calma della baia, tanto trasparente da lasciarne intravedere il fondale. Alla morbidità plastica degli scogli e delle rocce, come “pagliuzze vive e quasi iridescenti” (C. Brandi 1956) sono accostati i filamenti cromatici delle fronde dei pini. I colori complementari e le accese contrapposizioni cromatiche stimolano l’osservazione dell’opera; la presenza della bianca casa solitaria, ne favorisce la partecipazione emotiva.

Esposto da: Galleria Arte Casa

Giovanni Governato (1884 – 1951)

La scogliera di Nervi, 1930 ca. Olio su tela Cm 85 x 104

L’iconica veduta della riviera di levante, che dall’inizio della passeggiata di Nervi corre fino al monte di Portofino, prende vita in un concerto di forme e colori capace di evocare ricordi e stimolare la partecipazione dei sensi. La libera interpretazione delle prospettive e dei volumi, eredità di un percorso artistico vicino al Futurismo – Governato è infatti amico e sodale di Marinetti – , caratterizza una delle opere più importanti del pittore.

Esposto da: Galleria Arte Casa

Domenico Piola (Genova, 1627 - 1703)

SANTA ROSALIA IN ADORAZIONE DELLA TRINITÀ

Penna e inchiostro bruno, pennello e acquerello seppia, tracce di matita nera su carta vergellata sottile preparata in marrone chiaro. mm 245×175. Al verso a penna e inchiostro bruno “Dom Piola”. Fragilità della carta riparate al verso. Residui cartacei da precedente applicazione. Domenico Piola esegue una pala dedicata a Santa Rosalia, Piola per la Chiesa parrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio a Rapallo, con i due Santi che con Rosalia intercedono presso la SS.Trinità per le anime del Purgatorio.

Esposto da: CREATINI & LANDRIANI

Alessandro Barbieri (Milano, 1850-1931)

DONNE IN PROCESSIONE Matita di grafite e matita rossa mm 180x225

Allievo di Giuseppe Bertini all’Accademia di Brera, debutta nel 1881 a Milano con il quadro In attesa del morticino. La sua produzione, incentrata sulla pittura
di genere, in prevalenza a olio e ad acquerello, è presente con una certa regolarità nelle esposizioni milanesi e veneziane di fine secolo, riscuotendo un buon consenso di pubblico e di critica. Fra le sue opere si ricordano Avanti la Cresima, Dolorose rimembranze, Bufera infernale, Dopo Vespro e Alba Cristiana.

Esposto da: CREATINI & LANDRIANI

Pier Francesco Garola

Torino 1638-1716 Roma

1194 Pier Francesco Garola (Torino 1638-1716 Roma) cm.147×200

Esposto da: Ship in Arte 

Stefano Magnasco

Genova 1635-1672

1411 Stefano Magnasco (Genova 1635-1672) cm.55,5×164

Esposto da: Ship in Arte 

Black Jambhala Kubera

Questa rappresentazione è una dei cinque grandi Zhambala,manifestazione del Buddha Askobia dall’aspetto irato. Salute e felicità
Rame dorato  altezza cm.42   base cm.28

Esposto da: Shangri-La 

COFANETTO TAHAN - XIX SEC.

COFANETTO TAHAN – XIX SEC.

Prezioso cofanetto portaprofumo di forma rettangolare lastronato in legno di rosa a motivo di spina di pesce, scantonato sugli angoli e bordato in ottone.
Piccolo gioiello dell’ebanisteria francese.
All’interno conteneva tre boccette di vetro (una è andata persa), foderata in raso dell’epoca.

Epoca: databile dal 1849 al 1866 (lavorò in rue de la Paix, 34 in quel periodo)

Esposto da: Anna Del Monte Antico

Martirio di S. Stefano” - XVIII sec. 

Dipinto olio su tela raffigurante  “Martirio di S. Stefano” – XVIII sec. 

Santo Stefano è rappresentato con la veste dalmatica, una lunga tunica provvista di ampie maniche, che arriva all’altezza delle ginocchia, abito proprio dei diaconi durante le celebrazioni liturgiche. 

Le pietre del martirio sono il suo principale attributo iconografico. 

Esposto da: Anna Del Monte Antico

Giovanni Battista Carlone

Giovanni Battista Carlone
(Genova 1603 – Parodi Ligure? 1683-1684)

Allegoria dell’Abbondanza
Olio su tela, 52 x 80 cm
1635/1640 circa

Esposto da: MR Antichità

Mario Nuzzi

Vaso di fiori olio su tela del pittore Mario Nuzzi detto dei fiori

Esposto da: Odisseus

Carlo Portelli

Sacra famiglia olio su tavola attribuito a Carlo Portelli

Esposto da: Odisseus

Fenicotteri

Coppia di fenicotteri in metallo cromato

Esposto da: Signorina Maccabei

Ballerina

Bronzo di ballerina art deco

Esposto da: Signorina Maccabei